Infermieri di famiglia e comunità. L’Asl 1 Liguria lancia il master universitario

Al via con l'inaugurazione dell'anno accademico 2021/2022 del master universitario di primo livello “Assistenza infermieristica di famiglia e comunità”.

Il corso di studi sotto l'egida dell'Università degli Studi di Genova e fortemente voluto da Asl1, ha la mission di implementare nel suo Territorio l’Assistenza Infermieristica di Famiglia e Comunità.

L’infermieristica territoriale e domiciliare è destinata a diventare, nel prossimo futuro in Europa, il fenomeno dominante a causa del progressivo invecchiamento della popolazione residente e dell’aumento della cronicità.

Il master è indirizzato a chi lavora in Asl ma soprattutto l'intenzione è quella di investire sulle attività distrettuali e del territorio. La mission di Asl e Università di Genova sarà pertanto, quella di essere più vicini agli anziani e a quei pazienti con più patologie, direttamente a casa loro.

“L'infermiere di Comunità , se opera in stretto rapporto con il medico di famiglia può costituire un significativo supporto all'attività assistenziale del medico di famiglia stesso – sottolinea Pier Claudio Brasesco, presidente di Medicoop Genova -. I pazienti con malattie croniche potrebbero essere meglio assistiti con beneficio loro e della comunità. Auspichiamo pertanto che si dia vita ad una progettualità che veda impegnate in modo integrato le due figure professionali, ciascuna secondo i propri compiti e le proprie competenze”

L’Infermiere di Famiglia è contemplato nel “Il Patto per la Salute per gli anni 2019-2021” in stretta relazione al Piano per la Cronicità e al Piano della Prevenzione.

“ La prima edizione di questo Master partiva da un progetto europeo e in Liguria ha visto la partecipazione di soggetti residenti anche in altre regioni – spiega Arta Cakoni, referente infermieristica Medicoop Genova  che ha partecipato al Master in infermeria di famiglia e comunità ( nella foto) -. Il passaggio positivo importante di questa seconda edizione è l’obiettivo di creare più infermieri specializzati in una stessa area che peraltro è caratterizzata da una forte presenza di anziani nelle zone dell’entroterra. La collaborazione tra Infermieri di Famiglia e Comunità  e i Medici di Medicina generale porterà sicuramente benefici sull’intero territorio”.

Scarica il bando al link  https://drive.google.com/file/d/1gkyQiTJ5rsEfLn4w8ETh93rNP2g8v5ls/view?usp=sharing