Oncologia, in vista delle elezioni Europee ecco il manifesto dei malati di cancro

In vista delle prossime elezioni europee del 26 maggio l'Ecpc (la Coalizione Europea dei Malati di Cancro), assieme a Favo (Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia), chiede ai candidati di condividere gli impegni in favore dei malati oncologici.

Il Parlamento e il Consiglio dell’Unione Europea, attraverso la promozione di politiche comuni negli Stati membri, hanno il potere di assicurare standard elevati per l’accessibilità alle cure e il dovere di assicurare tutele giuridico-economiche-sociali ai pazienti e ai loro familiari.

I cinque impegni promossi da Ecpc e Favo sono questi:

1. Ridurre le disparità e consentire un accesso tempestivo e sicuro ai trattamenti chirurgici e radioterapici, in collaborazione con gli Stati membri e attraverso le seguenti azioni.

2. Eliminare le barriere nazionali per consentire l’armonizzazione dei prezzi dei farmaci, attraverso l’HTA, e l’accesso tempestivo e sostenibile ai trattamenti farmacologici.

3. Rafforzare la collaborazione transfrontaliera per facilitare l’accesso ai malati di Tumori Rari ai trattamenti terapeutici più appropriati, a prescindere dal paese di residenza, attraverso le seguenti azioni.

4. Assicurare l’attuazione della Direttiva sul Work Life Balance, per garantire ai caregiver l’accesso alle tutele sociali e ai benefici previsti.

5. Promuovere i programmi per le persone guarite dal cancro come parte essenziale dell'assistenza oncologica a tutti i livelli, attraverso le seguenti azioni.

E' stato da poco attivato un sito Oncologia e Sapere che riguarda quattro convegni che si terranno a Genova nel mese di maggio. Per ulteriori informazioni clicca sul sito e scarica la locandina.