- Informativa progetto regionale sulle cronicità

AI COLLEGHI MMG DI GENOVA E TIGULLIO
 
Caro Collega, 
come noto il progetto Cronicità  è stato firmato già da qualche tempo (per la precisione in data 12 luglio 2017,  dopo l'approvazione del regionale FIMMG e dopo che l’assemblea FIMMG di Genova e Tigullio riunitasi il giorno prima aveva dato parere positivo) , ma solo recentemente la regione ha risposto a alcuni quesiti che abbiamo a suo tempo formulato.
La settimana scorsa è stato per esempio chiarito dalla Regione che per il 2017 sarà sufficiente che il medico autocertifichi il raggiungimento degli obiettivi e che per aderire basterà dare il consenso entrando nella piattaforma regionale dove scarichiamo i nostri statini (il modulo è già on line dal 21 settembre; c’e’ tempo per aderire fino al 31 ottobre); per altri quesiti stiamo ancora aspettando.

Avrei sperato di spedire questa e.mail   con tutte le risposte già ricevute dalla regione, ma visti i tempi ristretti ho pensato di mandare oggi alcune informazioni, riservandomi di scrivere nuovamente per le successive.

La trattativa per il progetto è stata piuttosto travagliata e siamo riusciti a ottenere significativi miglioramenti rispetto alla bozza propostaci dalla regione, anche se a mio modo di vedere altri miglioramenti nel tempo dovranno essere apportati.

In particolare il Sindacato ha ottenuto quanto segue:

  • In Liguria la gestione delle patologie croniche non sarà affidata a Gestori o a Cooperative (come in Lombardia), ma rimarrà affidato al singolo MMG che aderirà.
  • Il progetto non riguarderà solo il 2017 con le prime due patologie diabete e BPCO, ma sarà  permanente e progressivamente saranno affrontate tutte e 10 le patologie croniche previste dal Piano Nazionale Cronicità
  • I fondi investiti (10 euro  a paziente reclutato; nel tempo, la cifra potrebbe diventare interessante visto che ogni massimalista ha almeno 500 pazienti cronici) non sono presi dai “nostri” soldi (quelli utilizzati per pagare i nostri stipendi, le nostre medicine di gruppo, segretarie, infermiere, etc), ma sono soldi “in più” che la regione ha deciso di stanziare.
  • La firma per il consenso che il paziente dovrà mettere non riguarderà il fascicolo sanitario elettronico (come era in un primo tempo nelle intenzioni della regione) ma solo l’attuale progetto.

Giovedì 28 settembre abbiamo un incontro con sindacati, società scientifiche e cooperative per organizzare incontri capillari su tutto il territorio regionale per dare a tutti i Colleghi informazioni e chiarimenti sul progetto; appena saranno pronte date e luoghi, scriverò nuovamente a tutti.
 
Non ti sfuggirà che l’attuale progetto “Cronicità “ rimette il medico di famiglia al centro del sistema e per il momento scongiura il rischio che la cronicità venga affidata ad altri (ospedalieri, farmacisti, infermieri); solo una adesione significativa della categoria ci potrà permettere di andare in regione per rivendicare questo ruolo  e ci darà la forza per chiedere i necessari aggiustamenti del progetto che vorremo decidere tutti insieme tramite assemblee e gruppi di discussione.
Confido nella tua adesione e in un apporto costruttivo per eventuali proposte di correzione e miglioramento in corso d'opera.

Cari saluti
 
25-9-2017

Andrea Stimamiglio
Segretario regionale FIMMG
 

AllegatoDimensione
air_cronicit.pdf1.77 MB