Formazione medica post laurea, Grillo: "Serve una riforma radicale"

Il Ministro della Salute Giulia Grillo ha pubblicato un video su Facebook nel quale parla della formazione medica post laurea. Il sito Quotidiano Sanità ha  sintetizzato gli otto obiettivi.

Prima una formazione qualitativamente eccellente accessibile a tutti. Poi il superamento dei tempi morti con laurea abilitante e accesso diretto e continuo alla formazione post laurea, non una volta l'anno. In questo quadro l'università deve evolversi: sì al coordinamento e alla supervisione ma superando l’approccio ancora oggi troppo scolastico.

Concretamente questo vuol dire che i medici devono compartecipare all’assistenza durante la formazione e che hanno diritto a uno stipendio decoroso in formazione con contributi pieni versati. E ancora: maggiore autonomia e responsabilità agli specializzandi perché già oggi tengono in piedi gli ospedali, anche se non sarebbe consentito, dobbiamo regolarizzare questa realtà anche con modelli nuovi.

Ma non basta, le borse di studio sono sempre insufficienti e anacronistiche, vanno trasformate in veri e propri contratti ma non a doppi canali con medici di serie A e di serie B. E infine deve prevalere il merito e non bastano le prove attuali di ammissione per valorizzarlo.

GUARDA IL VIDEO INTEGRALE QUI